Crocetta: “Patto stabilità, Sicilia risparmia 75 milioni di euro”

riforma province sicilia, crocetta
Rosario Crocetta, presidente Regione siciliana

Si è svolta a Palazzo d’Orleans una riunione congiunta tra il presidente Crocetta, l’assessore all’Economia Agnello, l’assessore alla Salute Borsellino, con la partecipazione dei direttori e degli staff tecnici. Nel corso dell’incontro è stato analizzato l’impatto sul bilancio della Regione del nuovo dl del governo nazionale, relativo al contenimento spesa. L’incidenza valutata dall’assessorato all’Economia è complessivamente di 67 milioni di euro, destinati a un fondo di garanzia di rispetto del patto di stabilità e non dunque 140 o 200 milioni, come riportato da alcuni organi di stampa. “La situazione è totalmente governabile – ha affermato Crocetta – e non implicherà penalizzazioni per i lavoratori, per le imprese e per poveri, ma verrà gestita con tagli ulteriori di sprechi. In particolare si è pensato di anticipare gli obiettivi di tagli in materia di sanità relativamente ai farmaci e ai costi dei servizi, già prevedibili per circa 300 milioni. Il governo intende anticipare già prima del consuntivo di spesa, l’obiettivo di taglio di 75 milioni sulle spese regionali, e 75 sui fondi nazionali. In questo modo – conclude il presidente – si risparmia con la lotta agli sprechi e si fa risparmiare anche lo Stato, segno di una Regione che vuole mettere a posto i conti e fare spending review senza macelleria sociale”. Nel corso dell’incontro sono stati sbloccati inoltre 7 milioni per i consorzi di bonifica che permetteranno di pagare i lavoratori.