Riforma pensioni 2014, la Lega Nord sfida Renzi: “Aboliamo la legge Fornero”

riforma pensioni
Matteo Salvini, segretario Lega Nord: ‘Referendum anti riforma pensione Fornero’

Mentre prosegue il dibattito politico sulla riforma pensioni 2014 la Lega Nord di Matteo Salvini, che sta raccogliendo le firme per il referendum per l’abolizione della legge pensioni della Fornero, attacca il governo guidato dal premier Matteo Renzi (Pd).
“Voglio sfidare Renzi su tre temi: su tre referendum che mi stanno particolarmente a cuore. Il primo, cancellare la legge Fornero che e’ una legge infame, vigliacca, per restituire a milioni di italiani i diritti che sono stati loro rubati”, ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini oggi a Padova secondo quanto riporta l’Adnkronos.

Riforma pensioni 2014, la Lega Nord sfida Renzi: “Aboliamo la legge Fornero”

“E quindi, se arriviamo a 500 mila firme – ha aggiunto il leader leghista parlando della riforma pensioni 2014 – li portiamo sulla scrivania di Renzi e vorrei da lui un sì o un no alla cancellazione di quella porcata che è la riforma pensioni Fornero”, ha sottolineato Salvini. “La seconda, è la cancellazione delle Prefetture che permetterebbe di riparmiare 500 milioni di euro – ha aggiunto Matteo Salvini -. Siccome Renzi è alla disperata ricerca di soldi e di enti inutili da tagliare perche’ non chiudere le prefetture come richiesto da Einaudi 70 anni fa”. “E la terza è la regolamentazione e tassazione della prostituzione – ha ricordato il segretario della Lega Nord Matteo Salvini – Dopo sessant’anni vogliamo cancellare la legge Merlin grazie alle 500 mila firme che stiamo raccogliendo in tutta Italia. E spero che tanti cittadini veneti vadano nei loro comuni a firmare per questi referendum. Vorrei – ha concluso Matteo Salvini – che Matteo Renzi dicesse sì o no, sono d’accordo o non sono d’accordo a togliere dalle strade e regolamentare le prostitute”.

Segui Comunicalo.it anche su Google+