Indulto e amnistia 2014: sit-in oggi a Firenze, nuovi appelli a Renzi

indulto e amnistia 2014
Indulto e amnistia 2014, manifestazione a Firenze

Indulto e amnistia 2014: nuova manifestazione oggi a Firenze, la città del premier Matteo Renzi, dopo la telefonata di ieri di Papa Francesco a Marco Pannella. Mentre Bergoglio assicura il suo impegno contro le ingiustizie nelle carceri e per i diritti dei detenuti, prosegue lo sciopero della sete di Marco Pannella che sollecita l’approvazione di amnistia e indulto 2014.

Indulto e amnistia 2014: prosegue Satyagraha radicale, come aderire

“Sono 32 sono – si legge in una nota dell’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” che ha promosso oggi la nuova manifestazione a Firenze per indulto e amnistia 2014 – i giorni che mancano al 28 maggio fissato per l’Italia dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo come termine ultimo per porre fine alla tortura praticata nei confronti dei detenuti ristretti nelle nostre carceri. Amnistia e indulto – si legge nella nota pubblicata anche su facebook – per rientrare subito nella legalità e avviare la riforma della giustizia giusta”.
Per aderire all’iniziativa Satyagraha radicale, uno sciopero della fame di massa a turno per chiedere indulto e amnistia 2014 contro il sovraffollamento carceri già sanzionato dalla Corte di Strasburgo, è possibile collegarsi al seguente link: http://www.radicalparty.org/it/content/abbiamo-contato-gli-anni-ora-contiamo-i-giorni



Amnistia e indulto 2014: appelli al premier Matteo Renzi

“Puoi farlo – si legge nella nota dell’associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” che si batte per indulto e amnistia 2014 – anche inviando il contenuto di questo post in una mail al giorno al Presidente del Consiglio Matteo Renzi. centromessaggi@governo.it, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando centrocifra.gabinetto@giustiziacert.it, il Parlamento nelle persone del Presidente del Senato Pietro Grasso pietro.grasso@senato.it e della Presidente della Camera Laura Boldrini http://presidente.camera.it/21.

Segui Comunicalo.it anche su Google+