Mare nell’Agrigentino, nuovi divieti di balneazione a Siculiana e Realmonte


mare
Siculiana Marina

Nuovi divieti di balneazione nell’Agrigentino in vista della stagione estiva. Il problema è sempre lo stesso, da San Leone a Seccagrande passando per Realmonte e Siculiana: acque inquinate a causa del cattivo trattamento dei reflui fognari che fuoriescono dai cosiddetti pennelli a mare. I sindaci Piero Puccio e Mariella Bruno sono stati costretti a rinnovare le ordinanze che vietano la balneazione così come chiesto dall’Asp di Agrigento dopo i nuovi prelievi.

Mare nell’Agrigentino, situazione delicata a Siculiana Marina

Delicata la situazione a Siculiana, dove tutti i reflui provenienti dal centro abitato arrivano senza depurazione in una vasca di accumulo e sedimentazione primaria – quindi non un depuratore – dove si miscelano ai reflui della frazione di Siculiana Marina; poi viene tutto buttato a mare tramite condotte sottomarine fatiscenti a poche centinaia di metri dalla costa. Diversa la situazione e Realmonte, dove il depuratore c’è, funziona ma ci sarebbero alcune perdite negli impianti che dovrebbero essere riparate entro l’estate.

Sulla questione depuratori nell’Agrigentino, su cui l’anno scorso ha avviato accertamenti e inchieste la procura della Repubblica di Agrigento, torna ad intervenire il responsabile dell’associazione MareAmico di Agrigento Claudio Lombardo. “Quest’anno – dice – i divieti di balneazione stanno fioccando ancor prima dell’inizio della stagione balneare. Come era accaduto nelle scorse settimane a Realmonte, contemporaneamente, la mannaia dell’Asp di Agrigento ha colpito Siculiana, dove solo dopo 20 giorni il sindaco ha redatto l’ordinanza di divieto e ancora oggi non ha posizionato alcuna tabella indicativa, come prevede la legge. I divieti riguardano oltre che il porto (per decreto) la zona ad ovest denominata Tonnara e la zona del torrente Canne le cui acque inquinate arrivano in mare e con la corrente prevalente di ponente purtroppo giungono facilmente nel mare di Giallonardo”.


“Stiamo lavorando per risolvere il problema della depurazione dei reflui con il nuovo depuratore, ma al momento Girgenti Acque è impossibilitata a intervenire perché all’epoca il Comune consegnò le reti e non gli impianti. Sottolineo che l’ordinanza di divieto di balneazione è uguale a quella dell’anno scorso, quindi non riguarda il tratto di mare della spiaggia di Siculiana Marina più frequentata dai turisti, ma quello accanto al fiume Canne”. Anche il sindaco di Realmonte Piero Puccio, che ha emesso il divieto di balneazione nella zona del Vallone tra Capo Rossello e le Pergole, rassicura turisti e bagnanti: “Nessun problema alla Scala dei Turchi e stiamo risolvendo con Girgenti acque il problema segnalato vicino a Lido Rossello”.

Segui Comunicalo.it anche su Google+