Scuola in Sicilia, approvata legge Scilabra su anagrafe scolastica



nelli scilabra
Nelli Scilabra

“La Sicilia era l’unica regione d’Italia a non avere un’anagrafe di tutti gli studenti, adesso sarà possibile avere una radiografia chiara e reale della popolazione studentesca”. Così l’assessore alla Formazione e all’Istruzione Nelli Scilabra commentando il via libera dell’Ars al ddl sull’istituzione dell’anagrafe scolastica regionale. L’Assemblea regionale siciliana ha approvato il provvedimento con 35 voti a favore e 13 astenuti su 90 deputati.
“L’anagrafe scolastica – ha aggiunto l’assessore regionale alla Formazione e Istruzione della Giunta Crocetta – è uno strumento fondamentale per qualsiasi ipotesi di riforma della scuola siciliana e ci consentirà di contrastare l’altissimo tasso di dispersione scolastica che purtroppo investe la Sicilia. Finalmente – ha aggiunto l’assessore Nelli Scilabra – la nostra Regione siciliana si pone alla pari con le altre e addirittura, per certi aspetti, ancora più avanti estendendo l’anagrafe non soltanto alle ragazze e ai ragazzi in obbligo scolastico ma ampliando la platea anche ai più adulti, visto l’alto tasso di dispersione universitaria e il sempre più notevole numero di Neet nella nostra regione. Questo – ha concluso Nelli Scilabra – è il primo tratto di un disegno più completo che vedrà compimento con la legge sul diritto allo studio scolastico”.