Turismo in Sicilia, Crocetta: “Panico da sbarchi, turisti disertano”



Il governatore Crocetta, l'assessore al Turismo Michela Stancheris e il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini sulla spiaggia della Guitgia, foto da ragusanews
Il governatore Crocetta, l’assessore al Turismo Michela Stancheris e il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini sulla spiaggia della Guitgia, foto da ragusanews

“Gli sbarchi dei migranti hanno un effetto psicologico negativo sui turisti. Ad ogni sbarco, seppure questo non abbia alcuna incidenza vera sulla vita dell’isola, il giorno stesso arrivano centinaia di disdette. In luoghi dove si preannunciava il pieno, c’e’ calo di presenze. Questo deve essere risarcito. C’e’ un effetto panico irrazionale da immigrazione. L’Ue dovrebbe attivare misure compensative per i danni indotti. Non puo’ essere un problema solo della Sicilia”, cosi’ il presidente regionale siciliano Rosario Crocetta. “C’e’ poi tutta la questione dei minori non accompagnati, che per effetto delle sentenze giudiziarie vengono affidati ai Comuni, che non ricevono alcun rimborso per questo. Si tratta di giovani che vogliamo accogliere e accogliamo, e che sono a carico dei Comuni per diversi anni, fino a compimento della maggiore eta’”, spiega Crocetta. “Alcuni piccoli Comuni hanno dovuto dichiarare il dissesto per effetto di tali costi – conclude il presidente della Regione Sicilia -. Tutto cio’ e’ inaccettabile. La Regione Siciliana sta attivando la solidarieta’ anche nei confronti di queste amministrazioni, ma non puo’ andare cosi’. L’immigrazione e’ un problema europeo e non siciliano. La Sicilia vuole accogliere ma non puo’ piu’ pagare”. (ANSA)