Torre Salsa diventa Torre Africa tra arte, musica e solidarietà

torre salsa
Una performance a Torre Salsa
Arte, musica, solidarietà e accoglienza a Torre Salsa dove è tutto pronto per dare il via venerdì 18 luglio a Torre Africa. L’evento, che si svolge nella riserva naturale tra Siculiana e Montallegro, nasce dalla collaborazione di giovani ragazzi dell’Agrigentino e del Palermitano, insieme al collettivo Sound Butiq che unisce giovani esperti dj di Palermo. A coordinare il progetto l’assistente sociale Arianna Bilello di Santa Margherita di Belice e l’architetto Silvia Giarratano di Lucca Sicula.

Torre Salsa diventa Torre Africa

“Scegliere Torre Salsa come location dell’evento certo non è casuale – spiega Arianna Bilello – è intenzione comune del gruppo di lavoro offrire un contesto di armonia e sinergia tra natura e persone, il rispetto per la nostra casa, musica, giovani e il percorso del sole sono gli ingredienti base della giornata. Durante la giornata un giovane ragazzo appena rientrato dall’Uganda presenterà il suo progetto della Ong ‘The Refugee Next Door’, presenterà quindi i vari progetti realizzati nel Paese africano al quale saranno devoluti i proventi dell’evento, l’idea è quindi di dare delle sfumature africane alla giornata rivolgendo tutti uno sguardo verso il Mediterraneo, mare intenso di storie da raccontare”. Al tramonto è prevista una performance musicale di tre artisti siciliani, Calogero Genco al sax, Nicola Ganci al flauto e Ismahel Addo alle percussioni. In serata invece giovani dj si alterneranno tra afro bit, elettronica e sonorità contemporanee.
“L’evento – spiega Arianna Bilello – si fonda sul principio di sostenibilità, sono tante le persone del territorio coinvolte nell’organizzazione che hanno deciso di offrire un contributo, si eviterà entro i suoi limiti la cultura dell’usa e getta e silenziosamente cercheremo di mettere in circuito comportamenti eco-sostenibili”.