Amnistia e indulto 2014, ultime notizie di luglio



amnistia e indulto
Il ministro Andrea Orlando ad Agrigento
Riforma della Giustizia del ministro Andrea Orlando, decreto carceri in favore dei detenuti; ddl su divorzio breve,corruzione, voto di scambio, falso in bilancio; responsabilità magistrati; contrasto all’omofobia; unioni civili, amnistia e indulto. Continua lentamente questa settimana in commissione Giustizia al Senato la discussione sui disegni di legge per amnistia e indulto, mentre oggi davanti alla sede del Consiglio regionale, via Cavour ore 12:00 Conferenza stampa a margine della manifestazione organizzata dai Radicali fiorentini per chiedere la garanzia del diritto alla salute in carcere e per ribadire la proposta dei provvedimenti di amnistia e indulto. Intervengono Rita Bernardini e Massimo Lensi dei Radicali italiani, Maurizio Buzzegoli, Segretario Ass. radicale fiorentina ‘Andrea Tamburi’.
Intanto, mentre nelle carceri i detenuti invocano amnistia e indulto, due agenti di polizia penitenziaria sono rimasti leggermente feriti (prognosi di cinque e 10 giorni) nel carcere di Foggia dopo essere stati aggrediti da un detenuto. L’aggressione, secondo quanto riferito dal Sappe (Sindacato autonomo di polizia penitenziaria), e’ stata compiuta ieri da un detenuto 45enne della provincia di Napoli che sta scontando una condanna definitiva per reati comuni. Dopo essere stato accompagnato nell’infermeria del carcere per la somministrazione di medicinali, mentre tornava in cella il detenuto ha aggredito con calci e pugni un poliziotto penitenziario che lo accompagnava, facendolo rotolare per terra. Un altro agente e’ intervenuto ed e’ stato anche lui colpito con un pugno, ma e’ riuscito ad immobilizzare a terra il detenuto. In aiuto dell’agente sono intervenuti altri suoi colleghi e il detenuto e’ stato ricondotto in stanza, mentre i due agenti feriti sono stati medicati al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia. Amnistia e indulto sono i provvedimenti di clemenza generale previsti dalla Costituzione e chiesti da Napolitano per far fronte al drammatico problema del sovraffollamento carceri.