Riforma pensioni 2014: ultime notizie dalla Sicilia, caos all’Ars



Rosario Crocetta
Rosario Crocetta
Nuovo scontro in aula all’Ars durante la seduta per l’approvazione della legge Finanziaria ter. Stavolta il caos è scoppiato sull’articolo relativo al contributo di solidarietà sulle pensioni e la soglia dalla quale fare partire il prelievo ficale. Alla fine il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone ha sospeso per alcuni minuti la deduta. “Dobbiamo però essere chiari – ha detto Ardizzone secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Adnkronos – – non e’ il Parlamento ad opporsi ai contributi di solidarieta’, ma e ‘il governo che sta facendo confusione”. Dunque non sono bastate cinque riscritture in poche ore da parte del governo per far approvare l’articolo 23 della manovra ter. Il governo regionale guidato dal presidente Rosario Crocetta prevede l’applicazione ai pensionati regionali di una quota aggiuntiva rispetto a quella prevista a livello nazionale dal governo Renzi. L’obiettivo è quello di fare partire il prelievo da una soglia di pensione più bassa. Ma l’aula non e’ d’accordo. Quindi sono state numerose le critiche in Aula anche da parte di deputati della maggioranza. Il Drs Giuseppe Picciolo dice che il Governi ha “poche idee, ma confuse, mentre il leader di Articolo 4 Lino Leanza, dice rivolto all’assessore Patrizia Valenti: “Quando si trova un’intesa, va mantenuta. Volete forse obbligarci a votare contro?”. Ancora piu’ dura l’opposizione che ha criticato il governo: “Siamo in momento di confusione dell’esecutivo che dimostra superficialità e improvvisazione. In questo modo non si può andare avanti”, ha detto il capogruppo Ncd Nino D’Asero. “La situazione è preoccupante – ha aggiunto – non parlo solo della norma sule pensioni, ma di come il governo sta portando avanti l’intera manovra”. Per Cracolici (Pd) “Questi contributi vanno estesi anche agli ex deputati. Visto che per gli ex deputati non si prevede nessun contributo per le pensioni che vanno da 50 mila a 90 mila euro”. Ma il Presidente Ardizzone lo frena: “Questo parlamento da anni è sottoposto il contributo di solidarietà. Il parlamento ha fatto tutto quello che poteva, in base alla legge. La richiesta di Cracolici è inammissibile”. E il capogruppo Toto Cordaro (Grande Sud-Pid): “A che gioco gioca la maggioranza? A questo punto si metta ai voti il ritorno in commissione dell’articolo 23”. A questo punto, Ardizzone ha sospeso la seduta in attesa della nuova riscrittura.


Nuovo incontro tra il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta e il Commissario dello Stato, Carmelo Aronica per fare il punto sulla copertura finanziaria. Crocetta, accompagnato dal Ragioniere generale, come riporta l’agenzia di stampa Adnkronos, si e’ recato poco fa dal Commissario prima della ripresa della seduta d’aula fissata per le 16. La manovra finanziaria, in corso di approvazione all’Ars, e’ cosi’ sempre piu’ in salita. Proprio oggi il Governo e’ stato nuovamente battuto in aula sulla norma sui contributi di solidarieta’ sulle pensioni. La seduta e’ stata intanto rinviata alle ore 17.