Riscossione Sicilia: stop chiusura sportelli, esulta La Rocca (Udc)

laroccas
Margherita La Rocca, deputata all’Ars
“Il risultato ottenuto oggi in seconda commissione, di sospendere la chiusura degli sportelli decentrati di Riscossione Sicilia, così come previsto dall’articolo 66 comma 3 della legge finanziaria è una buona notizia, rispetto ad una lunga battaglia cominciata in aula già lo scorso luglio. La sospensione dei servizi non ci sarà e il governo si è impegnato ad approfondire i contenuti del piano industriale già approvato”. Lo ha affermato in una nota la deputata regionale dell’Udc Margherita La Rocca Ruvolo.
“Il risultato più grande è la continuità – ha aggiunto la parlamentare regionale – dei servizi che consentirà a 140 mila abitanti e 15 comuni di non doversi recare ad Agrigento anche solo per richiedere la propria cartella esattoriale. Inoltre, i sindaci presenti di Sciacca, Fabrizio di Paola, con il presidente del Consiglio comunale, Calogero Bono, e i consiglieri Giuseppe Milioti e Filippo Bellanca; di Caltagirone, Nicolò Bonanno; di Termini Imerese, Salvatore Burrafato, e i delegati di Vittoria e Gela (sono certa che anche tutti gli altri comuni converranno con questa scelta), hanno dato la propria disponibilità – ha aggiunto – a disporre di uffici nelle sedi dei comuni stessi. Sarebbe stato impensabile chiudere sportelli necessari e quanto mai indispensabili al cittadino costringendolo a recarsi altrove. Comuni come Sciacca che stanno valutando di consorziarsi staccandosi da Agrigento, avrebbero chiuso e riaperto gli sportelli: questo sarebbe un danno finanziario. I servizi ai cittadini vanno sempre e comunque salvaguardati senza ma e senza se. Attendiamo adesso – sottolinea la deputata all’Ars Margherita La Rocca – la nota ufficiale dell’assessore Agnello. Ho chiesto al presidente del consiglio di amministrazione di Riscossione Sicilia Lucia Di Salvo – ha concluso la parlamentare Udc – di rendere noti i dati relativi ai costi che la società sostiene e sono disposta a confrontarli con quelli macroeconomici che ho raccolto, relativi agli incassi negli sportelli di Sciacca, Bivona e Licata”.