Sblocca Italia, Iacono (Pd): “Importante segnale di ripresa per il Paese”



Maria Iacono, deputata Pd
Maria Iacono, deputata Pd
“Il decreto “sblocca Italia” rappresenta un importante segnale per la ripresa economica ed il rilancio infrastrutturale del nostro Paese”. Lo ha dichiarato la parlamentare Nazionale del Partito Democratico, Maria Iacono, che ha poi aggiunto, “il decreto, attraverso la previsione di un pacchetto di fondi destinati al completamento ed alla costruzione di una serie di opere strutturali ed infrastrutturali per la Sicilia risponde alla esigenza di dotare la nostra Regione di una moderna rete viaria ed infrastrutturale in grado di essere efficiente ed innovativa”.

In questo senso, mi sento di esprimere viva soddisfazione in merito al rifinanziamento della 640, attraverso la dotazione dei 45 milioni di euro necessari per il completamento dell’opera che migliorerà la comunicazione viaria tra la Provincia di Agrigento e l’area centro meridionale dell’Isola, argomento questo sollevato lo scorso diciannove luglio, in occasione dell’incontro che ho avuto insieme all’On. AngeloCapodicasa con i vertici Regionali dell’ANAS. Inoltre, ha aggiunto , Maria Iacono, “il decreto contiene novità normative in grado di migliorare il decoro delle nostre Città e rimettere in moto l’economia ridando ossigeno alle imprese, come ad esempio il “ Regolamento Edilizio Unico”, uguale per tutti i Comuni, che dovrà contenere la disciplina delle modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnicoestetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili e delle loro pertinenze”.

Ritengo, inoltre , significativo ed importante l’impegno , sottolineato dal Governo, attraverso lo sblocca Italia, in riferimento alla riqualificazione energetica degli immobili ed alla previsione di un ecobonus per la riqualificazione energetica e l’adeguamento antisismico, in particolare considero queste proposte in linea con quanto contenuto dalla proposta di legge che ho depositato alla Camera e presentato proprio ad Agrigento lo scorso 28 Luglio contenente “Norme per il recupero dei centri storici attraverso l’Incentivazione dell’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili”.