Tumori al seno, visite gratis nell’Agrigentino: ecco tutte le sedi Lilt

“Sono circa 6.500 le donne che nel corso del 2014 si sono sottoposte a visite senologiche nelle nostre sedi in provincia di Agrigento, dove durante il mese di ottobre potenzieremo i controlli medici gratuiti nell’ambito della campagna di sensibilizzazione per la lotta ai tumori al seno Nastro Rosa 2014 promossa dalla Lilt a livello nazionale”.

A parlare è la presidente della Lilt di Agrigento Francesca Scandaliato Noto che spiega anche che “rispetto al 2013, quando i controlli al seno sono stati complessivamente circa 7000, si registra un aumento delle pazienti, segno che va crescendo la cultura della prevenzione anche nella nostra provincia”. Tra le novità di quest’anno le visite senologiche alle donne detenute nel carcere agrigentino di contrada Petrusa che saranno effettuate dai medici della Lilt direttamente all’interno della casa circondariale mentre proseguono le iniziative anche nelle scuole agrigentine.

“Noi consigliamo a tutte le donne, anche alle più giovani a partire da venticinque anni, di fare almeno una volta all’anno – spiega la presidente della Lilt di Agrigento – la visita senologica, un’ecografia e un esame mammografico. Bisogna cominciare da giovani a prevenire eventuali malattie per questo svolgiamo le nostre attività di sensibilizzazione anche nelle scuole. Stiamo portando avanti in tutti gli istituti superiori della provincia di Agrigento il progetto ‘Prevenire’ in collaborazione con gli psicologi Rita Corazza e Daniel Macaluso, il nostro obiettivo è quello di contribuire a formare nei giovani la cultura della prevenzione, non solo per quanto riguarda il tumore al seno ma per tutte le malattie. Ai ragazzi – aggiunge Francesca Scandaliato Noto – consigliamo per esempio di fare la visita urologica, a maggior ragione oggi che non ci sono più le visite militari”.

Ecco dove sono le sedi Lilt in provincia di Agrigento in cui è possibile fare le visite senologiche gratuite, su prenotazione, nell’ambito della campagna di prevenzione Nastro Rosa 2014 che vede come testimonial l’attrice Nicoletta Romanoff: a Sciacca in via Giovanni XXIII 1, tel. 0925-905056; ad Agrigento in via Empedocle 3, 0922-651955; a Cianciana in corso Cinquemani Arcuri, 0922-987072; a Menfi in via Raffaello 1, 0925-73181; a Montallegro al viale della Vittoria, 0922-847696; a Ribera in via Verga 49, 0925-546015; a Santa Margherita Belice in via Cannitello 7, 0925-33151.

“Il tumore della mammella è il big killer numero 1 del genere femminile. Ma nonostante la crescente anomala incidenza di questa patologia – spiega la Lilt – si registra tuttavia una sia pur lenta ma continua diminuzione della mortalità grazie ad una sempre più corretta informazione e una maggiore sensibilizzazione verso la diagnosi precoce, determinante per il successo in termini di guaribilità. Si stima che in Italia siano oltre 45.000 i nuovi casi di cancro della mammella; l’aumento dell’incidenza è stata pari circa al 15% negli ultimi sei anni, con un aumento tra le giovani donne e in età compresa tra i 25 e i 45 anni per cui l’incremento è stato di circa il 30%. Si tratta di una fascia di età ‘esclusa’ dal programma di screening previsto dal Servizio Sanitario Nazionale riservato alle donne di età invece compresa tra i 50 ed i 69 anni. Per questo la Lilt con la campagna Nastro Rosa promuove la cultura della prevenzione come metodo di vita a partire dalle donne, affinché tutte si sottopongano a visite senologiche periodiche. L’obiettivo che persegue la Lega italiana per la lotta contro i tumori è infatti di poter raggiungere e parlare di mortalità zero per i tumori alla mammella”.