Rifiuti, spento depuratore ospedale di Sciacca: tre indagati

ospedale_sciaccaLa Procura della Repubblica di Sciacca (Agrigento) ha iscritto nel registro degli indagati tre persone nell’ambito dell’inchiesta sul mancato funzionamento del depuratore con trattamento a fanghi attivi del presidio ospedaliero Giovanni Paolo II. L’impianto era stato sequestrato dai carabinieri lo scorso 29 maggio. Alle tre persone individuatie quali responsabili della mancata messa in funzione del depuratore sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini. Anche tramite la consulenza tecnica di un ingegnere docente dell’universita’ di Palermo, si e’ ricostruito che la societa’ che si occupa del servizio di gestione, conduzione e manutenzione degli impianti tecnologici dell’ospedalee ha disattiva il depuratore, nonostante l’impianto fosse perfettamente funzionante, e ha cosi’ determinando la diretta immissione dei reflui ospedalieri in fognatura senza trattamento biologico e di disinfezione. (AGI)