San Giovanni Gemini: “No al femminicidio”, donne in piazza per Concetta e Angelina

scarpereosse
Le donne di San Giovanni Gemini scendono in piazza per dire “no al femminicidio”. Sabato 8 novembre, in occasione del primo mese dalla scomparsa di Concetta Traina, 28 anni, e della mamma Angelina Reina, 71 anni, uccise mercoledì scorso da Mirko Traina, 27enne che poi si è tolto la vita, a San Giovanni Gemini si svolgerà la manifestazione “Scarpe rosse”, promossa da un comitato spontaneo di donne e con il patrocinio dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmelo Panepinto. “Le scarpe rosse – spiegano i promotori dell’iniziativa lanciata su Facebook – rappresentano il sangue che ogni giorno le donne versano per mano dei propri padri, mariti o fidanzati. Decolletes, ballerine, sandali, stivaletti, sportive, ogni paio a rappresentare una donna cancellata da una assurda violenza, donne uccise di cui rimangono solo le scarpe”. L’iniziativa, promossa in diverse città d’Italia e della Sicilia, si ispira liberamente all’installazione di arte pubblica dell’artista messicana Elina Chauvet, creata in Messico nel 2009 per dire “no alla violenza contro le donne. Chiunque può aderire per manifestare contro la violenza e il femminicidio, portando le proprie scarpe rosse o dipinte di rosso sabato alle ore 11 a San Giovanni Gemini nella piazzetta Falcone – Borsellino.