Sicilia, la telenovela di Crocetta su rimpasto: Scilabra e Calleri in Giunta

crocettass
“Stiamo azzerando la cattiva politica, mentre quella buona la porteremo avanti”, ad affermarlo e’ il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, raggiunto telefonicamente dall’AGI, mentre si trova alla “Leopolda” di Firenze. Il governatore siciliano, da Firenze per l’assemblea deomcratica si dice “assolutamente convinto che nessun altro governo abbia avuto la voglia e la capacita’ di compiere le scelte coraggiose nel settore della formazione, nella sanita’ e dell’ambiente fatte dagli assessori che abbiamo avuto ed avremo in Giunta”. Secondo Rosario Crocetta “queste sono le vere battaglie da portare avanti con fermezza”. Il governatore e’ convinto che “tutte queste scelte forti espongano a un fuoco di fila”, ma altrettanto certo si dice che “il Governo arrivera’ a fine legislatura”. Sui nomi degli assessori, il governatore ammette: “La Scilabra ci sara’, l’ho indicata io. Mi toccava l’indicazione di due assessori, ne indichero’ solo uno. Calleri e’ stato indicato dal Megafono, quindi rimarra’ nel Governo, cosi’ come la Borsellino, che rientra in una scelta complessiva della coalizione. Anche la Vancheri penso debba rimanere, data la sua azione portata avanti sino ad oggi”. Un’ultima battuta su Grillo. “Quando non faceva il politico diceva che ero un ottimo Presidente a rischio per le mie scelte antimafia. Oggi che fa il politicante, ha messo al primo posto la battaglia politica, cosi’ mi attacca e chiede la sfiducia”.(AGI)