Droga tra Agrigento e Torino: 22 arresti, in manette capo ultras Juventus

carabinieri droga
I carabinieri di Torino e Agrigento stanno eseguendo un’ordinanza di arresto nei confronti di oltre venti persone, accusate di traffico internazionale di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi. Facevano viaggiare auto con la droga nascosta in doppifondi, spedendole dalla Sicilia su bisarche che trasportavano macchine usate destinate a rivenditori piemontesi. Gli arrestati, residenti in provincia di Agrigento, Palermo e Torino, avrebbero importato dall’Albania in Italia, destinazione Sicilia e Piemonte, ingenti quantitativi di hashish, marijuana, eroina e cocaina.
L’ordinanza di custodia cauelare emessa dal gip di Torino è nei confronti di 22 persone. Tutti devono rispondere di traffico di droga e due anche di detenzione e porto d’armi. Sei persone sono state arrestate in Sicilia, a Palermo e Agrigento, gli altri a Torino e provincia. Il traffico partiva dall’Albania. La droga sbarcava in Sicilia. Destinazione finale Torino. L’inchiesta è iniziata nel 2011 quando la Dda di Palermo e i militari di Agrigento inziano a monitorare lo sbarco di bisarche che trasportavano su auto hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Le vetture usate venivano rivendute in un’autoconcessionaria di Palermo. Da qui venivano dirottate a Torino dove venivano spartite ai narcotrafficanti. In un’occasione i carabinieri della compagnia Oltredora hanno assistito allo scarico di auto e hanno inseguito i trafficanti per le strade di Torino fino a quando hanno parcheggiato l’auto davanti a un ristorante. Qui hanno ‘festeggiato’ l’arrivo di una grossa partita di droga. All’uscita sono stati arrestati e nell’auto sono stati sequestrati cinque chili di eroina. Sono state effettuate anche perquisizioni domiciliari: in casa di una donna torinese è stato trovato un chilo e mezzo di marijuana. In tre case sono stati sequestrati 40mila euro in contanti.



L’ordinanza di custodia cauelare emessa dal gip di Torino è nei confronti di 22 persone. Tutti devono rispondere di traffico di droga e due anche di detenzione e porto d’armi. Sei persone sono state arrestate in Sicilia, a Palermo e Agrigento, gli altri a Torino e provincia. Il traffico partiva dall’Albania. La droga sbarcava in Sicilia. Destinazione finale Torino. L’inchiesta è iniziata nel 2011 quando la Dda di Palermo e i militari di Agrigento inziano a monitorare lo sbarco di bisarche che trasportavano su auto hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Le vetture usate venivano rivendute in un’autoconcessionaria di Palermo. Da qui venivano dirottate a Torino dove venivano spartite ai narcotrafficanti. In un’occasione i carabinieri della compagnia Oltredora hanno assistito allo scarico di auto e hanno inseguito i trafficanti per le strade di Torino fino a quando hanno parcheggiato l’auto davanti a un ristorante. Qui hanno ‘festeggiato’ l’arrivo di una grossa partita di droga. All’uscita sono stati arrestati e nell’auto sono stati sequestrati cinque chili di eroina. Sono state effettuate anche perquisizioni domiciliari: in casa di una donna torinese è stato trovato un chilo e mezzo di marijuana. In tre case sono stati sequestrati 40mila euro in contanti.