Strage Parigi, Alfano: nessun segnale di rischio in Italia dopo attacco Charlie Hebdo

alfano“Non abbiamo in questo preciso momento segnali che indichino l’Italia o gli interesi italiani come esposti a specifici ed attuali forme di rischio”, dopo l’attentato di Parigi. Lo ha ribadito stamane il ministro dell’Interno, Angelino Alfano nel corso della sua informativa urgente alla Camera. Quello dei ‘foreign fighters’ non e’ l’unico fattore di potenziale rischio per l’Italia, ha poi precisato Alfano “essendo l’Italia esposta all’insidia terroristica per altre consistenti ragioni, la prima delle quali – ha ricordato – e’ rinvenibile nel privilegio di ospitare la massima autorita’ del cattolicesimo, a volte additata nei farneticanti messaggi ai Al Bagdadi tra i possibili bersagli. Inoltre la tradizionale vocazione atrantista del nostro paese e l’amicizia con gli Stati Uniti rappresentano altri fattori di potenziale esposizione al fondamentalismo terrorista”.