Immigrazione, il cardinale Montenegro al Consiglio d’Europa

Papa Francesco e il vescovo Montenegro a Lampedusa

Il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo d’Agrigento e presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes, interverrà martedì prossimo, 24 marzo, a Strasburgo, all’incontro dal tema “autorità locali e regionali a confronto con i flussi migratori” promosso dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa.

Al dibattito, che avrà luogo durante la sessione plenaria del Congresso, oltre al cardinale Montenegro che farà sentire ancora una volta la sua voce in favore dei mogranti richiedenti asilo e dei rifugiati politici, interverranno anche il sindaco di Calais, Natacha Bouchart, il co-presidente dell’unione delle municipalità del sudest dell’Anatolia, Tuncer Bakirhan, e il segretario di stato per il lavoro, l’integrazione e gli affari sociali del Nord Reno e Westfalia, Thorsten Klute. Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa ha invitato anche il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini. Ma la partecipazione del sindaco della piccola isola siciliana punto d’approdo di migliaia di migranti africani e spesso teatro di tragedie dell’immigrazione, non è stata ancora confermata.

Il Consiglio d’Europa, fondato il 5 maggio 1949 col Trattato di Londra e che conta oggi 47 stati membri è un’organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell’uomo, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa.

Segui comunicalo.it anche sulla fanpage Facebook.