Primarie Agrigento Pd-Fi, resa dei conti tra i dem: Raciti convoca i dirigenti

Fausto Raciti, segretario Pd Sicilia“Annullare le primarie, commissariare la segretaria provinciale e ripartire da capo, individuando un nuovo candidato del Partito democratico da contrapporre a Silvio Alessi”. E’ la proposta del coordinamento dell’area Renzi del Partito democratico di Agrigento. “Le primarie del centro sinistra – scrivono in un una nota – le ha vinte Forza Italia. Noi non ci piegheremo alle logiche spartitorie dei soliti noti, ai giochi di potere. Noi siamo il centro sinistra, siamo il Pd – aggiungono – . Con Forza Italia ci si confronta alle elezioni non alle primarie”. “Chiediamo pertanto – conclude la nota – l’immediato commissariamento della federazione e del segretario provinciale di Agrigento, il disconoscimento delle primarie con il ritiro del simbolo del partito, l’individuazione di un progetto e di persone che possano rappresentare, per Agrigento, un progetto politico e una prospettiva chiara, nell’ambito degli ideali e dei valori del centro sinistra”.

Intanto, il responsabile organizzazione del Pd Sicilia, Antonio Rubino, conferma, come anticipato oggi dall’agenzia di stampa Ansa, che il segretario siciliano Fausto Raciti, ha convocato per sabato prossimo il gruppo dirigente provinciale di Agrigento “per discutere della complessa e confusa situazione politica che si è creata all’indomani delle primarie ‘Agrigento 2020′”. Prima del vertice, Raciti incontrerà la stampa, nella sede regionale dei democratici a Palermo, per spiegare “la prospettiva politica del Partito democratico e il suo percorso nelle prossime settimane”. Intanto il presidente della Regione Rosario Crocetta difende il vincitore della primarie di Agrigento Silvio Alessi: “Almeno ha i soldi, non se li deve fare. Mettiamola così, alla Berlusconi”.

Segui comunicalo.it anche sulla fanpage Facebook.