Primarie Agrigento: dopo il Pd anche Crocetta ‘scarica’ Alessi, nuovo candidato

crocettalobelloDopo il Partito democratico guidato in Sicilia da Fausto Raciti, anche il Megafono del presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta è pronto a “scaricare” Silvio Alessi, imprenditore vicino a Forza Italia e vincitore delle strane primarie di Agrigento. Interpellato oggi dall’Ansa, il governatore Crocetta ha detto, “Il Pd decide le candidature come qualsiasi dirigente e iscritto – ha detto – rispetterò le scelte del mio partito”.

Crocetta si allinea dunque, almeno per stavolta (sarà forse la prima), al segretario siciliano del Pd Fausto Raciti, che non riconosce Silvio Alessi come candidato sindaco perché “non rappresenta la nostra gente e il centrosinistra” e ha convocato per domani a Palermo i dirigenti agrigentini del partito per concordare annullare le primarie come chiesto dai vertici del Pd di Renzi e trovare un nuovo candidato sindaco per Agrigento.

Crocetta, fino a ieri, era stato tra i pochi ad intervenire “solennemente” per difendere Silvio Alessi, contestato da diversi esponenti del Pd per i suoi rapporti con Forza Italia, tanto da essere in passato vicino a una candidatura, e per avere rivelato le sue simpatie nei confronti di Silvio Berlusconi: “Silvio Alessi almeno i soldi ce li ha, non se li deve fare, mettiamola alla Berlusconi”, aveva detto il governatore della “rivoluzione” che aveva “benedetto” la “strana alleanza” stringendo un “patto di ferro” con il deputato nazionale Michele Cimino (Patto dei Democratici per le riforme) il parlamentare di Forza Italia, vice coordinatore degli azzurri in Sicilia, Riccardo Gallo Afflitto, in passato vicino a Marcello Dell’Utri.