Pd Sicilia, al via vertice su primarie Agrigento e nuovo candidato sindaco

pdE’ in corso nei locali del Partito democratico siciliano a Palermo il vertice tra il segretario regionale Fausto Raciti e i dirigenti agrigentini del Pd per discutere delle strane primarie di Agrigento, vinte dall’imprenditore Silvio Alessi, vicino a Forza Italia. Presenti, tra gli altri, il deputato nazionale Giuseppe Lauricella, che ha parlato di “falsarie”, la segretaria particolare del presidente della Regione Rosario Crocetta, Nelli Scilabra, che insieme all’assessore alla Formazione Mariella Lo Bello aveva “benedetto” la strana alleanza, il segretario provinciale del Pd di Agrigento, Giuseppe Zambito, già pronto alle dimissioni secondo quanto riportato oggi dal Giornale di Sicilia, e l’ex sindaco, Marco Zambuto, che ha parlato di grande giorno di partecipazione dopo la vittoria di Alessi. Dovrà essere sostanzialmente “ratificata” la decisione già assunta di annullare le primarie e dovrebbe essere individuato un nuovo candidato a sindaco del Pd o comunque del centrosinistra.

Di “festival delle ipocrisie” parla il deputato regionale Giovanni Panepinto in un’intervista pubblicata su agrigentonotizie.it. “Le primarie – ha detto Panepinto – hanno avuto il crisma della regolarità assoluta, della trasparenza. La coalizione e il progetto avevano l’avallo di Roma, di Palermo e di Palazzo d’Orleans”. La pensa diversamente il vice segretario nazionale del Pd Deborah Serracchiani. “A noi piace ricordare che facciamo migliaia di primarie che sono il risultato del rinnovamento del Pd. In alcuni casi c’è un po’ di confusione, va fatta chiarezza e io ho detto che alcuni non è opportuno che si candidino e che in altri casi saremmo addirittura chiamati ad annullare le primarie”, ha dichiarato Debora Serracchiani, vicesegretaria nazionale del Pd. “Questo purtroppo non ci fa piacere – ha continuato Serracchiani – ma siamo un partito grande, anzi il maggior partito della sinistra europea in questo momento, e quindi abbiamo la responsabilità di non trascurare segnali che possono essere anche non positivi”.