Agrigento, ‘spese pazze’ alla Provincia: condannato D’Orsi

dorssiiL’ex presidente della Provincia Eugenio D’Orsi è stato condannato oggi Tribunale di Agrigento a un anno di reclusione, pena sospesa,  nel processo scaturita dall’inchiesta sulle “spese pazze” e i rimborsi pagati dall’Ente. La condanna, secondo quanto riporta, l’Ansa, riguarda solo l’accusa di abuso d’ufficio per aver ottenuto una limitata serie di pranzi effettuati senza che risultasse adeguatamente motivato il fine istituzionale.  Al termine della requisitoria, il 23 febbraio scorso, l’accusa aveva chiesto la condanna a 6 anni di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Era l’ottobre del 2011 quando a D’Orsi, allora ancora presidente della Provincia, venne notificato un avviso a comparire per essere interrogato come persona indagata. Secondo le accuse, l’ex presidente D’Orsi avrebbe “sfruttato il suo ruolo istituzionale per finalità private”. A D’Orsi la Procura contestava, tra l’altro, anche l’acquisto di Mont Blanc, il pagamento di pranzi a ristorante d’aver fatto piantumare nel giardino della sua villa quaranta palme che erano invece destinate agli spazi verdi pubblici come il giardino botanico. l’acquisto di Mont Blanc e pranzi a ristorante. Sulla questione delle palme piantumate nella villa di D’Orsi, il Tribunale ha disposto la restituzione degli atti alla Procura per riqualificare il reato da peculato in corruzione.

VIDEO. “Le palme di D’Orsi”, guarda il servizio delle Iene su Italia 1.