Bosone di Higg, riparte il super acceleratore Lhc del Cern di Ginevra

lavoroSi è riacceso dopo una pausa di due anni l’Lhc del Cern di Ginevra, il più grande acceleratore di particelle del mondo che ha permesso di scoprire il bosone di Higgs. “Sono contentissimo – ha dichiarato il direttore generale Rolf Heuer – come lo sono tutti qui al centro di controllo del Cern”. “Ora si apre la porta su un universo sconosciuto e imprevedibile”, ha spiegato all’Ansa Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). La pausa di due anni dell’Lhc (Large Hadron Collider) si è resa necessaria per curare la manutenzione della macchina e per metterla in grado di battere il suo primo record, ossia raggiungere l’energia di 13.000 miliardi di elettronvolt.