Cattedrale di Agrigento sempre più a rischio, nuovo crollo

Cattedrale di Agrigento
Cattedrale di Agrigento ripresa dal drone di Massimo Alaimo

Sempre più a rischio il colle su cui sorge la cattedrale di San Gerlando ad Agrigento, che da più di quattro anni è chiusa al pubblico proprio a causa del dissesto idrogeologico contro il quale non sono stati ancora effettuati i tanto attesi e promessi interventi. Nuovi massi, che rischiavano di arrivare in strada, si sono staccati ieri mattina dal monte  sopra la centralissima via 25 Aprile. Sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Agrigento e i responsabili della Protezione civile comunale. Fortunatamente non si sono stati danni a persone o cose.

“Questa è una fase critica – hanno spiegato al Giornale di Sicilia gli operatori della Protezione civile comunale coordinata dal dirigente Attilio Sciara -. E’ una fase critica perché è il momento dell’asciugatura e dunque dell’assestamento, dopo le abbondanti piogge. Non è escluso – ha aggiunto – che avvenga anche su altri banconi calcarenitici fortemente degradati presenti sia su quel colle, che anche in altre parti della città”.