Mafia, Francesco Fragapane processato due volte per sbaglio

Processato due volte per errore: lo stesso pm di udienza Antonella Pandolfi, dopo che la difesa produce la precedente sentenza con il numero di procedimento identico, ne prende atto e chiede il proscioglimento. La sentenza è stata emessa ieri mattina dal gup Alfonso Malato nei confronti di Francesco Fragapane, 32 anni, di Santa Elisabetta, figlio del boss Salvatore, capomafia degli anni Novanta. Il giovane rampollo di Cosa Nostra appena cinque mesi fa aveva rimediato una nuova condanna per violazione della sorveglianza speciale.

Il gup Alessandra Vella, al termine del processo con rito abbreviato, gli aveva inflitto 9 mesi di reclusione. Fragapane, l’8 ottobre di due anni fa, dopo la sentenza della Cassazione che aveva confermato la sua condanna a 6 anni e 4 mesi di reclusione, si era reso irreperibile per otto giorni e poi si era consegnato ai carabinieri. La circostanza non sarebbe stata punibile se non fosse stato sottoposto agli obblighi della misura di prevenzione e, quindi, dopo l’esecuzione dell’ordine di carcerazione era arrivata pure la nuova richiesta di rinvio a giudizio e la successiva condanna.