Disegnatori italiani: no alla satira sull’olocausto

Negativa la risposta dei disegnatori italiani che si rifiutano di partecipare all’ international holocaust contest. L’Italia non sarà di fatto presente alla nota manifestazione che mira a fare satira sull’olocausto, che si terrà a Teheran nel mese di Maggio. Disegnatori di un certo calibro sarebbero indignati e avrebbero superbamente rifiutato, senza alcuna esitazione, la loro partecipazione al contest.

Il più noto illustratore Italo-Albanese Sulaj, noto per famose caricature che riguardano personaggi famosi e attori, ha annunciato: ‘con la Shoah non si scherza, è stato un grave errore, qualcosa di vergognoso. Non ho mai fatto una vignetta o un disegno contro Israele, non ho mai toccato temi estremi’. Sembra impossibile e ripugnante per molti scherzare su alcuni temi delicati come quello dell’olocausto. Una provocazione per molti quella lanciata dal contest contro l’ipocrisia occidentale del diritto alla libertà di parola.
Nonostante ciò il parere unanime di tutti i vignettisti è arrivato e l’Italia non sarà presente a Teheran.