Agrigento, chiusa la via Volpe, protestano gli esercenti di via Dante

I commercianti della via Dante, ad Agrigento, sono sul piede di guerra. Protestano perché la chiusura della via Aviere Giovanni Volpe sta drasticamente fermando le loro attività commerciali. La strada è stata interdetta dai vigili urbani, nei giorni scorsi, per evitare che il crollo di altre porzioni di banconi calcarenitici possa trasformarsi in tragedia. Soltanto per un caso fortuito, infatti, l’ultima porzione di costone che è crollata è stata fermata dalla ringhiera di ferro della parte alta di via Volpe.

Ieri, però, gli esercenti commerciali della via Dante hanno tappezzato gli ingressi dei loro negozi e i tergicristalli delle vetture posteggiate con dei volantini con la scritta: “Lutto in città. La via Dante è morta. Cari politici, vi aspettiamo per il voto“. A dargli man forte anche l’ex vice presidente del consiglio comunale di Agrigento, Giuseppe Di Rosa: “Non è la chiusura della via Volpe – ha detto – che può risolvere il problema del costone. Basterebbe metterlo in sicurezza e si potrebbe aprire la corsia sottostante”.