‘Attentato alla sicurezza dei trasporti’, 30 indagati per ponte crollato su Ss Agrigento-Palermo

Ora ci sono anche i nomi degli indagati per il crollo del ponte Scorciavacche sulla strada statale che collega Agrigento con Palermo. Dal direttore generale dell’Anas Sicilia, Salvatore Tonti, ai membri della commissione di collaudo: sono complessivamente trenta gli indagati per il cedimento della rampa di accesso al viadotto Scorciavacche della strada statale 121 Palermo-Agrigento. La Procura della Repubblica di Termini Imerese ha chiuso le indagini con una richiesta di incidente probatorio. Tra gli indagati anche i rappresentanti delle imprese che hanno costruito la rampa crollata lo scorso dicembre solo una settimana dopo l’inaugurazione.

L’ipotesi di reato contestata è quella di . L’inchiesta è coordinata dal procuratore Alfredo Morvillo. La richiesta di incidente probatorio, secondo quanto riporta l’Ansa, è stata notificata ai responsabili tecnici e amministrativi della società “Bolognetta” e a quelli della “Icoler srl”. Indagati anche i tecnici e gli esperti che si sono occupati della progettazione definitiva, esecutiva e di dettaglio del lotto, il direttore dei lavori, il direttore operativo, il direttore generale di Anas Sicilia, i responsabili del procedimento pro-tempore dei lavori, i componenti dell’ufficio di Alta sorveglianza per conto dell’Anas, i presidenti dell’organo di collaudo che si sono succeduti durante i lavori per la costruzione dell’opera pubblica.