Porto Empedocle, immigrato manomette impianto elettrico: scoppia il caos

polizia-di-statoAvrebbe manomesso l’impianto elettrico – nella sua stanza nella comunità d’accoglienza di Porto Empedocle – per portare, con un filo elettrico “volante”, il punto luce sul suo comodino. Il tutto per mettere comodamente sotto carica il telefono cellulare. Se ne è accorto il responsabile della comunità ed è scoppiata una lite. Il responsabile della struttura ha, infatti, rimproverato l’immigrato, un giovane del Mali, perché avrebbe potuto determinare rischi, perché avrebbe potuto far sì che qualcuno rimanesse folgorato. L’immigrato, a quanto pare, avrebbe “risposto” strattonando il responsabile del centro. A riportare la calma, dopo che è scoppiato il tafferuglio, è stata la polizia di Stato.