Musica, ‘Que voy a comer?’: il nuovo videoclip di Larre alle Canarie

Dopo aver girato il mondo “sulle orme di Santana”, Larre sbarca alle Canarie dove continuerà ad esprimere la sua idea sul mondo e sull’amore con musiche, parole e immagini cantando nei locali pieni di turisti che arrivano da ogni parte del mondo e producendo video che impazzano su YouTube.

Que voy a comer?” è il suo ultimo video clip realizzato con il grande chitarrista argentino Osvaldo Owi Oro, che racconta sul web, a ritmo latino-americano, della crisi economica, delle difficoltà di oggi a trovare lavoro, dalla Spagna all’Italia e nel resto del mondo, difficoltà che in tempi di crisi creano problemi anche alle relazioni tra uomini e donne. Molto bello il tributo di Larre a Carlos Santana, la “fuente del ritmo”, con cui ha voluto rendere omaggio al grande artista.

Larre muove i primi passi con gli strumenti sin da giovane età, insieme al fratello Acharat e ad alcuni amici fondarono un gruppo “Hoy es Tiempo“: erano matti per i Beatles. Nasce a Montevideo, in Uruguay, nel 1979 si trasferisce in Svizzera, nel 2014 approda stabilmente a Gran Canaria (isola che ha avuto modo di conoscere in venti anni di vacanze) dove vuole continuare a dedicare la sua vita alla musica: “Perché la musica mi fa felice è per questo la amo”, dice.

Elettronico ed informatico di professione, ma è da sempre la musica il suo “principale interesse nella vita”. “Gli strumenti musicali mi danno la possibilità di sperimentare ed esprimere la mia idea. La composizione musicale è il mio maggiore interesse”. Un artista in continua evoluzione, poliedrico nell’utilizzo degli strumenti musicali, ha studiato conservatorio e passa con facilità e felicità dal basso alla tastiera, dalla chitarra al sax.

“Perché mi piacciono strumenti musicali, ho studiato al conservatorio e imparato a giocare con alcuni di loro, lo studio mi aiuta molto quando produco qualcosa di nuovo. Quello che mi piace è la composizione e la creazione di musica in diversi generi e correnti musicali”. Vari i generi musicali preferiti e sperimentati da Larre. Dal classico al beat, dal jazz al pop, dal tango alla salsa, dal rock al reagge, fino al folklore e al funk, ed è pronto a sperimentate “tutte le possibili musiche che il futuro porterà“.