SHARE
Silvio Cuffaro e Piero Giglione

Due candidati a sindaco e nove liste per il consiglio comunale. Sarà tra Silvio Cuffaro (centrodestra) e Piero Giglione (centrosinistra) la sfida per la poltrona di primo cittadino a Raffadali. Cuffaro, sposato e padre di due figli, già sindaco della città, è sostenuto dal Patto del Territorio e da altre quattro liste civiche, una delle quali legata a Forza Italia. Giglione, sposato e padre di due figli, presidente provinciale della Cna e già consigliere provinciale, è il candidato del Partito democratico sostenuto da Area popolare (Ncd e Udc) e da altre due liste civiche.

“Lavorerò sin dal primo giorno – ha detto Silvio Cuffaro presentando il suo programma di governo – per rimettere in moto l’economia locale per cercare di portare sviluppo e lavoro come chiedono fortemente i cittadini e su cui non si può perdere tempo. Dobbiamo subito metterci a lavoro – ha aggiunto – per vedere quali sono le parti dell’economia frenante di Raffadali e cercare di stimolarle per dare risposte concrete e lavoro ai nostri concittadini. La situazione finanziaria del Comune di Raffadali – ha spiegato il candidato sindaco – è florida, però è una situazione che rispecchia quella che è la situazione finanziaria in generale negli enti locali purtroppo penalizzati dalla riduzione dei trasferimenti da parte della Regione e dello Stato che inceppa il meccanismo amministrativo. Tuttavia ritengo che avremo certamente modo di operare senza anticipazioni di cassa e soprattutto senza gravare sulle tasche dei cittadini”.

La sorpresa arrivata nel centrosinistra a 24 ore dalla scadenza della presentazione delle liste il ritiro della candidatura di Aldo Virone in favore di Giglione. “Il risultato politico raggiunto a Raffadali con la ritrovata unità del Pd in vista delle elezioni amministrative – ha detto Fausto Raciti, segretario regionale dei dem – ci mette nelle condizioni di proporre alla città una candidatura forte e condivisa. Ringrazio dunque Aldo Virone che, con il suo gesto, ha dimostrato amore per la città e lealtà nei confronti del partito”.

Il programma del candidato sindaco Piero Giglione si pone in continuità con l’azione amministrativa avviato dall’ex sindaco Giacomo Di Benedetto, scomparso prematuramente. L’amministrazione di Giacomo Di Benedetto – ha spiegato  Giglione illustrando il suo programma amministrativo – aveva avviato un percorso virtuoso per far diventare Raffadali un punto avanzato sul terreno della legalità, del rispetto delle regole, dell’efficienza amministrativa. Continueremo l’impegno e l’opera – ha proseguito il candidato sindaco del centrosinistra – per cercare di fare, attraverso la buona politica, un modello di efficienza nei servizi, di risanare il territorio, di promuovere iniziative per un avanzato sviluppo economico. La nostra idea di città – ha sottolineato Giglione – è fatta di inclusione e allargamento della platea decisionale, confronto, condivisione e democrazia partecipata”.

SHARE