SHARE

Intervento del sindaco di Racalmuto Emilio Messana su rifiuti, Tari e fondi Anas.

“La raccolta dei rifiuti sta ritornando alla normalità, dopo i disagi dei giorni scorsi.Per completare la bonifica del nostro territorio abbiamo già appaltato il servizio di pulizia straordinaria della C.da Cometi e di P.zza Barona Lo scontro con la ditta, determinato dalla riduzione dei servizi, oltre a lasciare i rifiuti per terra aveva portato al licenziamento di due operai racalmutesi. Insieme ai sindacati siamo riusciti a ritrovare un’intesa, mantenendo i servizi necessari a scongiurare l’emergenza igienico sanitaria. Il costo è rimasto lo stesso e i due operai sono tornati al lavoro. Gli uffici sono al lavoro per preparare un cottimo fiduciario e appaltare il servizio almeno sino a luglio. Inizieremo la raccolta differenziata porta a porta, lasciando i cassonetti il tempo necessario a consentire ai nostri concittadini di comprendere come funziona la selezione domestica del rifiuto. Formeremo delle squadre di nostri operatori che informeranno e assisteranno i cittadini, durante lo svolgimento del servizio. Insieme al Consiglio Comunale sceglieremo il nuovo piano, se sarà compatibile con quello dell’Aro lo approveremo, altrimenti delibereremo il recesso dall’Aro Racalmuto Grotte Castrofilippo e costituiremo un nuovo Aro coincidente con il territorio del nostro Comune. In tal senso ho dato disposizione agli uffici di preparare la proposta di delibera di recesso e di costituzione del nuovo Aro. Dobbiamo accelerare i tempi, anche per rispetto ai Comuni di Grotte e Castrofilippo che hanno già da tempo approvato il piano economico – finanziario e sono fermamente intenzionati ad andare avanti con l’Aro.
Abbiamo chiesto all’ufficio tributi una relazione sui risultati dell’accertamento per gli anni 2008 e 2009. Sono stati inviati 1703 avvisi per omessa dichiarazione tarsu anno 2008 per circa mq 273.000 e 1091 avvisi per infedele dichiarazione anno 2009 per circa mq 53.000. Le richieste di accertamento con adesione sono circa 800. Finora nessun ricorso e gli accertamenti con adesione trattati risultano chiusi con un concordato. Gli incassi, che ad oggi ammontano a circa €. 100.000,00, saranno portati in diminuzione dei costi del servizio a carico dei cittadini e i nuovi metri quadri censiti consenitranno di allargare la platea contributiva. Abbassare i costi del servizio, utilizzare le maggiori entrate degli accertamenti degli anni pregressi per abbassare il carico sui cittadini, scovare gli immobili non soggetti a tassazione in questi anni, sono i presupposti per portare la tassa sui rifiuti a livelli accettabili e mettersi alle spalle le aliquote da capogiro degli ultimi anni.
Inoltre, dopo quasi un decennio, stiamo sbloccando i fondi Anas. preziosa boccata di ossigeno per la nostra comunità. Abbiamo già approvato in giunta il progetto per il prospetto della Fondazione Sciascia, pubblicato il bando per un concorso di idee per la riqualificazione del salotto del nostro paese che va dal Municipio alle Piazze Francesco Crispi e Umberto I.
Gli altri lavori, per i quali sono in corso le procedure degli incarichi di progettazione, riguarderanno la manutenzione di alcune strade interne ed esterne, la riqualificazione della P.zza Barona, della strada del Raffo, la manutenzione straordinaria dello Stadio La Mantia, dei campetti e degli spazi pubblici attrezzati, la manutenzione del Castello Chiaramontano, alcuni interventi nella zona industriale. Infine, stiamo acquistando forniture di materiale per lavori di manutenzione delle strade e del patrimonio comunale da fare con il nostro personale. Tanta carne al fuoco e un doveroso appunto sui tempi: le risorse per questi lavori e servizi sono stati assegnati dalla giunta agli uffici a dicembre. Cinque mesi sono troppi, i nostri impiegati devono comprendere che la comunità merita maggiore solerzia, impegno ed efficienza”.

SHARE