SHARE

Serve una “legislazione che consenta, seppur nel rispetto della concorrenza e del libero mercato, l’aggiudicazione di una quota parte di appalti pubblici, agli imprenditori e commercianti che denunciano. La prossima sfida per l’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia sarà quella di farsi promotore presso il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio di un intervento legislativo in tal senso forte anche del sostegno condiviso della presidente dell’Antimafia Rosy Bindi“.
Lo ha dichiarato il testimone di giustizia Ignazio Cutrò, ex imprenditore agrigentino e presidente dell’Associazione nazionale testimoni di giustizia, a margine di un incontro nella sua casa, a Bivona, con il presidente della Commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi e il vicepresidente Claudio Fava. “E’ stata una visita importante, un incontro dal forte valore simbolico – ha spiegato Cutrò in una nota -. Ma è stato anche un momento di concretezza sul come le istituzioni possano e debbono agire a sostegno di chi ha osato sfidare la mafia in Sicilia”.

SHARE