SHARE

I carabinieri della compagnia di Agrigento diretti dal capitano Giuseppe Asti, coadiuvati dai colleghi del NIL (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Agrigento e dei NAS (Nucleo Antisofisticazioni e Sanità) di Palermo, hanno controllato un bar-discoteca di San Leone. Al termine degli accertamenti hanno riscontrato violazioni al decreto legislativo n. 181/2000, per aver impiegato un lavoratore non in regola e per tale motivo è stata contestata alla titolare una sanzione di euro 5.550,00.

Un altro servizio di controllo del territorio è stato effettuato dai Carabinieri della Motovedetta di stanza a Porto Empedocle a Raffadali; i militari hanno controllato un venditore ambulante di pesce al quale sono state elevate contravvenzioni amministrative per un importo complessivo di euro 2026,00, con relativa sanzione accessoria del sequestro del pesce per kg. 23,500 in quanto è risultato sprovvisto di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche, nonché per la mancata indicazione delle informazioni relative alla tracciabilità sui prodotti ittici. Il pescato è stato sottoposto a sequestro, privo di indicazioni sulla provenienza e tracciabilità, in ottemperanza alle norme vigenti è stato distrutto a mezzo fuoco. Al venditore ambulante è stata elevata anche una infrazione al C.d.S. in violazione all’art. 80 comma 14 per omessa revisione periodica del veicolo con contestuale fermo amministrativo del mezzo.

SHARE