SHARE

Il pubblico delle “grandi occasioni” per l’inaugurazione del nuovo plesso scolastico di via Oreto appena ristrutturato e che sarà intitolato all’ex direttore scolastico Antonino Pennino su proposta del consiglio comunale. A fare gli onori di casa, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Ezio Contino” Annalia Todaro che ha tagliato corto sulle polemiche dei giorni scorsi con i genitori legate alla documentazione relativa alla sicurezza della scuola dicendo che “se ne è parlato già abbastanza”. Sue due plessi di via Oreto, solo uno quello ristrutturato. “Tutti vorremmo scuole belle e moderne per i nostri figli, ma bisogna sapere apprezzare quello che abbiamo”, ha detto la preside. Già in funzione il tetto fotovoltaico dell’edificio e già attivate sei lavagne interattive multimediali previste dalla Scuola Digitale lanciata dal ministero dell’Istruzione, università e ricerca.

Il sindaco Nicolò Termine, non rinunciando a polemizzare nel suo intervento con i genitori che avevano protestato, ha rassicurato i genitori sulla sicurezza dell’edificio dopo aver mostrato il certificato d’agibilità. Una grande festa quella dell’inaugurazione ha visto protagonisti giovani studenti, genitori e insegnanti. Hanno partecipato alla manifestazione, tra gli altri il provveditore degli studi di Agrigento Raffaele Zarbo, che saluta positivamente il ddl di riforma della scuola che prevede le assunzioni degli insegnanti, e i deputati Maria Iacono e Angelo Capodicasa, ai quali è stato chiesto l’impegno dal rappresentante del consiglio d’istituto, Giuseppe Termine, di sollecitare interventi a favore dell’edilizia scolastica nel quadro degli interventi previsti dal Governo Renzi. A benedire la scuola di via Oreto l’arciprete don Nino Giarraputo. In prima fila anche il maresciallo dei carabinieri Liborio Riggi. Applausi a scena aperta durante il saggio degli alunni dell’Orchestra dell’istituto “Contino”, dove si è svolta ieri anche l’iniziativa “Sport in classe” promossa dal Miur in collaborazione con il Coni.

SHARE