SHARE

“Governo e maggioranza se avessero un minimo di dignità, dovrebbero prendere le distanze dalla Vicari e lei, per rendere veramente un servizio al Paese, dovrebbe dimettersi”. A dirlo in una nota è la capogruppo del Movimento 5 stelle alla Camera, Francesca Businarolo, riferendosi alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto la sottosegretaria allo Sviluppo economico, Simona Vicari, accusata dalla procura antimafia di Roma (secondo quanto scrive Il Fatto Quotidiano) di aver “contraffatto” le sue visite all’ex presidente della Regione siciliana Totò Cuffaro, oggi in carcere.

L’ipotesi di reato è di concorso in falso. Secondo quanto riportato da Il Fatto quotidiano e ripreso da altri giornali la procura antimafia di Roma starebbe indagando sulle visite a Rebibbia del sottosegretario Simona Vicari e di Pippo Gianni, Pino Firrarello, Giuseppe Ruvolo e Salvo Fleres. I politici indagati, secondo la ricostruzione de Il Fatto Quotdiano, avrebbero portato con loro persone di fiducia di Cuffaro per ricevere direttive sullo “spostamento” di varie sue proprietà.

“Sono andata a trovare Totò Cuffaro con un mio strettissimo collaboratore istituzionale di Roma e ben al di sopra di ogni sospetto. Si tratta soltanto di una bolla di sapone” E’ quanto ha dichiarato il sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari dopo la richiesta di dimissioni arrivata dai grillini.