SHARE

Quest’anno la mitica bevanda gassata compie il suo centenario, e tantissime sono le iniziative, anche legate ad Expo, per festeggiare questo traguardo storico. Nell’ambito delle celebrazioni, a Gaia Trussardi è stato chiesto di disegnare la veste grafica delle nuove bottigliette in edizione limitata.

L’erede della famiglia Trussardi, oggi direttore creativo del brand che gestisce insieme al fratello Tomaso, crede fortemente in quella che chiama “l’anima del levriero”. Il simbolo della maison è legato alla tradizione ma non ha paura di sperimentare. Così il mondo Trussardi è in continua evoluzione, e gioca sul connubio di eleganza e modernità. Negli ultimi tre mesi, Gaia ha creato le nuove versioni di 180 milioni di pezzi tra bottigliette, lattine, Diet Coke, Coca Cola classica, formati nuovi e tradizionali. E le sue proposte, tutte declinate in base al tema “Elegantly Cool” hanno subito incontrato i gusti dell’azienda. Ha scelto per le sue lattine di Coca Light colori forti e vitaminici: il classico rosso insieme a ciliegia, verde acido, viola.

Non è la prima volta che un marchio leader nel settore moda reinterpreta le lattine di Coca Cola (basti pensare alla recente collaborazione con Moschino, Missoni, Marc Jacobs), ma a Trussardi è stato riservato un onore speciale: “vestire” anche l’iconica bottiglietta rossa, il cui formato non era mai stato modificato se non nelle dimensioni. Gaia ha voluto tingerla di rosso, marrone e oro, e oggi è in vendita in esclusiva all’Expo, al Trussardi Scala e nello stabilimento siciliano.

Proprio qui a Catania, l’azienda Sibeg, che si occupa della distribuzione dei prodotti Coca Cola Company, è stata infatti eletta come fulcro dei festeggiamenti a base di bollicine. Si tratta di un’azienda dinamica, che nonostante abbia superato i 50 anni d’età (è stata fondata nel 1960) riesce ad essere sempre al passo con i tempi. Il presidente Maria Cristina Elmi Busi ha favorito negli anni il mantenimento delle tradizioni ma anche il rinnovamento, con la ristrutturazione in base ai principi della bioarchitettura e la crescente presenza femminile sia tra gli operai che nei piani alti.

Insomma, Coca Cola festeggia in grande stile, lo fa affidandosi allo stile di Trussardi, all’internazionalità di Expo e alla tradizione di Sibeg.

Bollicine per tutti!

SHARE