SHARE

Nell’ambito  del programma “Dall’Expo ai territori“, l’assessorato alle Attività produttive della Regione siciliana lancia due progetti: uno afferente all’area Sicilia Occidentale (Agrigento, Trapani,  Palermo, Messina) denominato le “Vie del Gusto in Sicilia” e l’altro afferente alla Sicilia Orientale denominato “Sicilia Madre Terra” (Catania, Enna , Siracusa, Ragusa, Caltanissetta). L’obiettivo del governo regionale è la creazione di un’offerta territoriale integrata da veicolare attraverso diverse iniziative e un efficace piano di comunicazione nazionale e internazionale.

I due progetti, viene annunciato in una nota stampa, saranno presentati in una conferenza martedì prossimo 9 giugno a Salemi (in provincia di Trapani). In particolare i progetti prevedono l’allestimento di Comuni e Piazze Vetrina (Salemi, Menfi, Ragusa, Noto,  Cefalù, Siracusa, Catania, Randazzo) che fungeranno da “Aggregatori per le imprese dei territori” e che consentiranno attraverso un puntuale lavoro di rete tra gli operatori, i commercianti e le amministrazioni di disegnare itinerari funzionali alla scoperta degli angoli più  nascosti della Sicilia al fine di pervenire alla costruzione di nuove destination marketing.

Luoghi, prodotti ed eventi dei territori saranno presenti sul catalogo nazionale di Expo e Territori che sarà diffuso presso le Ambasciate e gli Istituti di cultura italiana all’estero. Inoltre sarà dedicata al programma Expo e Territori una settimana di protagonismo della Sicilia. Ciò consentirà ai territori di mostrare i prodotti costruiti attraverso lo svolgimento delle attività di progetto presso padiglione Italia e soprattutto operatori esteri del settore turismo.

Nelle Piazze e nelle Vetrine si realizzerà al contempo l’organizzazione dell’offerta locale, la promozione di questa ai consumatori finali e agli intermediari, realizzando eventi culturali, artistici, promozionali e d’affari attraverso l’organizzazione di incoming e di B2B volti a fare incontrare i più importanti operatori economici locali e stranieri afferenti al mondo del turismo e dell’agroalimentare e dell’innovazione tecnologica.

SHARE