SHARE

Chiedeva ai dipendenti dell’ufficio Immigrazione della Prefettura che si mobilitassero affinché la moglie potesse venire, legalmente, ad Agrigento. A farlo, ieri mattina, è stato un venticinquenne subsahariano, in regola con il permesso di soggiorno. Un giovane disperato che avrebbe anche cercato di motivare la sua accorata richiesta. Gli impiegati, comprendendo anche lo stato d’animo di estrema frustrazione dell’extracomunitario, hanno cercato di spiegare le difficoltà esistenti. Il giovane, all’improvviso, sarebbe però andato in escandescenze ed ha scagliato un pugno contro la vetrata dell’ufficio, mandandola, a quanto pare, in frantumi. Immediatamente è intervenuta una pattuglia della polizia di Stato.

SHARE