SHARE

Nell’attesa che la Corte di appello si pronunci sulla ricusazione del giudice da parte della difesa il tabaccaio Roberto Chiarenza, 51 anni, di Grotte, accusato di stalking ai danni di un collega e di due donne, torna libero. Il gup Francesco Provenzano ha accolto l’istanza del difensore, l’avvocato Gianfranco Pilato, e ha revocato il divieto di dimora in provincia di Agrigento perché i termini di custodia cautelare sono scaduti. 

Al centro della contesa ci sarebbe una giovane rumena. Il commerciante, dopo avere avuto una relazione con la ragazza di origini straniere, non avrebbe accettato che la stessa avesse interrotto il rapporto e, pare, avesse iniziato a coltivare una frequentazione con un altro tabaccaio del paese. L’attività persecutoria si sarebbe concretizzata con l’invio di scritti anonimi e fotografie in danno della rumena, del nuovo presunto amante e della moglie di quest’ultimo.

SHARE