SHARE

Una infermiera avrebbe sbagliato flacone e invece di somministrare fermenti lattici vivi ai pazienti ricoverati al reparto di Pediatria, dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento, ha somministrato un sedativo. Nove dei dodici minori ricoverati sono caduti in un forte stato sonnolenza. I genitori, terrorizzati, hanno prima chiesto l’intervento di medici ed infermieri e poi hanno denunciato l’accaduto, richiedendo il loro intervento, alla polizia di Stato. Erano le 23 circa di martedì.

I medici e gli infermieri, rientrati tutti in servizio, con in testa il primario Giuseppe Gramaglia, hanno fatto chiarezza sul perché di quello stato di sonnolenza dei piccoli degenti ed hanno contattato il centro antiveleno di Milano. Tutti e nove i bambini sono stati sottoposti sistematicamente ad elettrocardiogramma. Poi, piano, piano, si sono tutti risvegliati. All’alba di ieri, ancora una volta, tutti sono stati sottoposti ad un elettrocardiogramma. E l’esito, per tutti, è stato dei migliori.

L’azienda ospedaliera ha aperto un’indagine interna “per capire cosa non ha funzionato nella procedura di uso del farmaco”. La posizione dell’infermiera è al vaglio della Procura.

 

SHARE