SHARE

“Non volevo sparare, il colpo è partito accidentalmente”. Si è difeso così il pensionato di Santa Margherita Belice finito nei giorni scorsi in manette dopo aver ferito, sparandogli con una pistola a piombini ad aria compressa, un ragazzino sorpreso a “rubare” delle albicocche nel suo terreno. L’arresto è stato convalidato, ma il giudice non ha applicato alcuna misura cautelare e, dunque, è tornato in libertà il bracciante agricolo margheritese Giuseppe Santelia. La Procura della Repubblica di Sciacca aveva chiesto, per Santelia, oltre alla convalida dell’arresto, anche l’obbligo di dimora, ma il giudice, Luisa Intini, lo ha rimesso in libertà.

SHARE