SHARE

Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa e Linosa, è rimasto bloccata sulla più piccola delle Pelagie. Altri sessanta ragazzi delle due isole minori, dopo una trasferta calcistica, sono invece fermi a Porto Empedocle in attesa di partire; bloccati anche gli insegnanti impegnati in commissioni d’esame per la maturità. Risale a venerdì scorso l’ultima corsa del traghetto Sansovino, che per un guasto ha bloccato i collegamenti, saltando prima una corsa anche per le avverse condizioni del mare. Nicolini ha scritto al presidente della Regione siciliana, all’assessore alla Mobilità, al dipartimento Infrastrutture, al prefetto di Agrigento per denunciare “la grave condizione di isolamento di Linosa” e chiedere “interventi urgenti”. Lampedusa ha un aeroporto, Linosa, invece, è collegata alla Sicilia solo attraverso la motonave, dopo che dal dicembre 2014 e’ stato soppresso il servizio di aliscafi. “Domani – sottolinea il sindaco – iniziano gli esami di maturità, ma gli insegnanti non ci sono; la Guardia medica turistica è bloccata a Lampedusa e così via”.

Il sindaco chiede adesso “di vigilare per garantire che la Compagnia delle Isole provveda alla sostituzione del mezzo al fine di evitare interruzione di pubblico servizio e di garantire in tempi brevissimi la ripresa del servizio aliscafi, per scongiurare gravissime conseguenze sul piano economico e sociale della comunità di Linosa”. Il traghetto, scrive Nicolini, rappresenta al momento “l’unico mezzo che assicura la continuità territoriale marittima per le Pelagie e per l’isola di Linosa è l’unico cordone ombelicale con la Sicilia e con l’isola di Lampedusa”. E in attesa di una risposta i problemi sono già evidenti: domani iniziano gli esami di Stato e la commissione di esame è rimasta bloccata a Porto Empedocle, così come la guardia medica turistica è rimasta ferma a Lampedusa.