SHARE

Ieri pomeriggio, la polizia di Licata ha tratto in arresto Angelo Buscemi, 38 anni, bracciante agricolo licatese, poiché colto in flagranza del reato di detenzione illegale di arma comune da sparo con matricola abrasa e del relativo munizionamento.
In particolare, gli agenti del locale commissariato di polizia licatese., effettuavano una perquisizione presso un locale nella disponibilità dell’uomo sito in quella contrada da Piano Vincenzo ed all’interno di un bidone in plastica per uso alimentare, a sua volta contenuto nel vano porta attrezzi di un vecchio furgone Wolkswagen, veniva rinvenuta e posta sotto sequestro una pistola Beretta calibro 22 con matricola abrasa, con caricatore inserito rifornito con 8 colpi dello stesso calibro.
Altre 20 cartucce dello stesso calibro erano custodite all’interno di una scatola in plastica.
L’arma, ben oliata e perfettamente funzionane, insieme al relativo munizionamento erano custodite all’interno di una apposita custodia per armi in plastica nera. Dopo le formalità di rito, l’arrestato veniva posto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

SHARE