SHARE

“Non lanciate il pane a san Calogero. C’è un grande stato di bisogno. Ci sono agrigentini che non riescono più a fare la spesa, a pagare l’affitto o a comprare le medicine. La povertà si estesa. L’invito che fa il santuario è quello di scegliere un panificio di fiducia e lasciare 10 euro per una famiglia che si conosce. In questo modo il panificatore consegnerà il pane per un mese o poco meno”. A lanciare il messaggio di “attenzione” al pane e l’invito alla solidarietà, ieri, è stato don Angelo Chillura, rettore del santuario di San Calogero ad Agrigento.

“Sono centinaia i devoti che, ogni anno, – prosegue don Angelo – arrivano con un sacchettino di 10, 15 chili di pane da far benedire e poi condividere con parenti, colleghi d’ufficio, ammalati. E’ un momento di condivisione e comunione. L’anziano che non può uscire e riceve il pane di San Calogero si sente pensato”.

SHARE