SHARE
Monte Suso (Montallegro)

Inserire l’antico agglomerato urbano di Monte Suso risalente al 1500, le calcare di gesso (antiche fornaci dove si trattava il gesso, attività fiorente a Montallegro intorno agli inizi del ‘900) e il museo della civiltà contadina nei percorsi turistici culturali provinciali e regionali in modo da differenziare l’offerta turistica montallegrese. E’ questa la proposta che l’amministrazione comunale di Montallegro tramite l’assessore al Turismo Andrea Iatì ha avanzato in una riunione del distretto turistico “Selinunte Belice e Sciacca terme” di cui il comune fa parte. “Il nostro paese – ha affermato in una nota l’assessore Iatì – ha enormi potenzialità e oltre al turismo balneare bisogna puntare anche su percorsi culturali, naturalistici ed enogastronomici”.

SHARE