SHARE

“Facendo seguito ai colloqui avuti in questi giorni, – scrive in una missiva il sindaco Fabrizio DI Paola  – evidenzio nuove situazioni critiche all’ospedale “Giovanni Paolo II”, segnalatemi, con una lettera, dal Gruppo consiliare del Pd, ma anche da utenti e operatori sanitari. Situazioni che destano fortissime preoccupazioni e che potrebbero trasformarsi in emergenze considerato il periodo dell’anno in cui ormai siamo entrati, che richiede il potenziamento delle strutture ospedaliere, con personale in numero adeguato alle richieste. Nel periodo estivo, con l’aumento delle presenze turistiche, infatti, la popolazione raddoppia. E, conseguentemente, raddoppiano anche le esigenze di accesso ai servizi sanitari”.

“Mi viene, in particolare, evidenziata – aggiunge il sindaco Fabrizio Di Paola – una condizione di pesante disagio del Laboratorio di Analisi, fondamentale per il buon funzionamento dell’intero nosocomio, che non sarebbe messo in condizioni di erogare servizi H24. Così come si punta l’attenzione sul Pronto Soccorso, per l’insufficienza di personale medico e infermieristico. Ma c’è da più parti anche preoccupazione per il paventato trasferimento di personale dall’ospedale di Sciacca all’ospedale di Ribera. E ancora… Mi segnalano che la metà delle Unità di Medicina da quasi due anni è chiusa. L’Unità di Emodinamica potrebbe avere serie difficoltà a garantire il servizio nei periodi estivi a causa dell’insufficienza dei medici e degli obblighi di legge legati alla concessione delle ferie al personale. Stessi problemi di personale mi segnalano anche nell’Unità Operativa di Pediatria. Si chiede, infine, di conoscere quando potrà partire la concreta attività del Laboratorio di Biologia Molecolare, utile per la prevenzione del tumore alla mammella e alle ovaie delle donne”.

“Viste le circostanziate segnalazioni, considerando l’importanza che riveste nel territorio un presidio sanitario come quello di Sciacca” il sindaco ha chiesto “informazioni dettagliate sull’attuale situazione dei reparti al “Giovanni Paolo II”  e un incontro con la Giunta per un “momento di approfondimento, al fine di rassicurare la Città sull’efficienza, adeguatezza e piena funzionalità dell’ospedale”

SHARE