SHARE

Un anno e otto mesi di reclusione con il beneficio della sospensione condizionale della pena: la dirigente scolastica Maria Gabriella Malfitano e i professori Federico Bona, Salvatore Di Mauro e Domenico Vella, accusati di falsa testimonianza, patteggiano la pena ed evitano un vero e proprio processo. La preside e i tre insegnanti erano finiti a giudizio con l’accusa di avere testimoniato il falso per favorire un collega accusato di abusi sessuali. Ieri mattina durante l’udienza preliminare i difensori hanno proposto al pm Salvatore Vella di patteggiare.

L’accordo processuale è stato trovato per l’applicazione della pena di un anno e otto mesi. Il gup Francesco Provenzano ha poi ratificato il verdetto. Il processo a carico del professore di educazione fisica Angelo Mantia, 58 anni, nonostante i tre colleghi e la preside dell’istituto superiore Enrico Fermi di Licata avessero raccontato circostanze ritenute false, si è concluso con una sentenza di condanna.

SHARE