SHARE

La polizia di Carpi (provincia di Reggio Emilia) ha smantellato la ‘banda dei pallets’, specializzata nei furti di bancali, arrestando i quattro presunti autori dei colpi che negli ultimi mesi avevano portato alla sparizione di oltre 700 pezzi, per un valore commerciale fino a 15.000 euro. Arrestato anche un agrigentino. In manette, secondo quanto riferisce l’Ansa, sono finiti quattro uomini – due provenienti dalla provincia di Taranto, gli altri due da quelle di Trapani e Agrigento – tutti residenti o domiciliati a Reggio Emilia.

Le indagini sono partite a fine marzo, dopo un furto di oltre 500 pallets avvenuto all’interno di una ditta di Gargallo, frazione di Carpi. La polizia e’ riuscita a risalire all’identita’ dei componenti del gruppo dopo aver recuperato un frammento di un fanale posteriore di un autocarro, perso dai malviventi durante il carico della refurtiva. Lo stesso mezzo era stato controllato dagli agenti della Volante nei pressi del casello di Carpi della A22. La banda, come ricostruito dall’inchiesta, aveva fissato la propria base operativa in provincia di Reggio Emilia ed effettuava raid notturni nelle aziende delle province vicine con mezzi presi a noleggio per brevi periodi, per non destare sospetti. I colpi venivano messi a segno in ditte di trasporto merci che necessitano di elevati quantitativi di pallets, quasi sempre accatastati in aree esterne che, seppur recintate, erano meno protette. I bancali venivano poi venduti a persone di fiducia della banda, sulle quali sono ancora in corso indagini. Nei giorni scorsi l’intera banda e’ finita in manette in provincia di Reggio Emilia, venendo sorpresa in flagranza mentre rubava bancali. Il gruppo era tornato in azione nonostante fossero gia’ scattate denunce per furti avvenuti in precedenza.

SHARE