SHARE

Eccoci arrivati a “quel” periodo dell’anno: i saldi stanno per arrivare! In Sicilia, i negozi d’abbigliamento applicheranno i ribassi da sabato 4 luglio fino al 15 settembre, siete pronti?

Se i film in tv (primo tra tutti I love shopping) raccontano i saldi ironicamente come guerre senza esclusione di colpi, è pur vero che le insidie sono dietro l’angolo e bisogna stare attenti. Cosa fare se un capo in saldo è danneggiato? A chi rivolgersi in caso di truffa? Come affrontare i saldi nei negozi online? Come comportarsi quando il negoziante rifiuta il pagamento con carta? Proviamo a rispondere a dubbi e perplessità con questo piccolo vademecum diffuso dal Codacons:

Cambi o resi. Anche se i negozianti proveranno a dirvi che non è così, avete per legge 2 mesi di tempo per cambiare o restituire la merce (ovviamente presentando lo scontrino).

Sconti fasulli. Cominciate a girare per i negozi che vi interessano qualche giorno prima dei saldi, in modo da annotare i prezzi e verificare se effettivamente viene applicato un ribasso.

Chiarezza. Diffidate dai negozi che coprono le vetrine con dei manifesti, nascondendo la merce all’interno, e da quelli che non applicano dei cartellini chiari e trasparenti. Vanno indicati sia il prezzo originale che quello scontato, e la percentuale di sconto applicata.

Pagamenti con carta o bancomat. Se il negozio espone l’adesivo della carta di credito o del bancomat, non può rifiutarsi di ricevere tali pagamenti per la merce in saldo.

Denunce. Se avete il dubbio di aver subito una fregatura, o che il negozio abbia commesso un illecito, avvertite subito il Codacons o i vigili urbani.

Shopping online. Cercate di acquistare sempre da negozi certificati, già conosciuti, che abbiano la partita iva esposta. Diffidate di sconti troppo convenienti, potrebbe trattarsi di merce contraffatta. Attenti inoltre al metodo di pagamento: scegliete carte ricaricabili e non fornite più dati di quelli necessari (nome, cognome, numero di carta, data di scadenza della stessa, indirizzo di spedizione).

Nei prossimi giorni la Polizia Postale diffonderà una guida specifica all’utilizzo dei siti di e-commerce, che sarà pubblicata sul sito della Polizia di Stato, su quello del Commissariato online e su vari social network.

 

SHARE